Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
136 La veste di sera


fallaci bellezze della moda, così morrebbe.

Ora, con quell’ordine dato a Cristina, Emma Lieti si era procurata una buona serata. Dopo aver pranzato nella gran sala da pranzo, adorna austeramente nello stile di Enrico II e a cui dava risalto un gran quadro d’animali di Rosa Bonheur, dopo aver preso il caffè, tutta sola, nel suo salottino personale dove una stoffa Pompadour alle pareti e sui mobili s’intonava così perfettamente con la sua bellezzina bionda e pallidetta, con la sua grazia un po’ minuta, ella si levò e passò nel grande salone da ballo, bianco e oro, dove le laboriose e sapienti mani di Cristina avevano disposto tutti i vestiti di primavera e di estate dell’anno prima. Con quella preziosa cura che le assicurava il costante affetto dell’incostante Emma Lieti, Cristina vi aveva unito tutto, persino le scarpette da ballo estivo e da campagna, persino i costumi del bagno, persino il cappelletto delle escursioni in montagna. Ed entrando, per avere una impressione generale, Emma che era ab-