Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Nino Stresa 5


ardente mi accese l’immaginazione: e, probabilmente, i miei occhi, rispondendo a quelli di Nino Stresa, dovettero contenere una interrogazione. Non subito egli si avvicinò a me; io fui costretta a ballare una mazurka e gli passai a poca distanza tre volte. Dio, Dio! che struggimento di dolcezza in quello sguardo, quanto languore malinconico, quanta celata tristezza che si rivelava, quasi inconsciamente! Forse, la interrogazione dei miei occhi dovette diventare più acuta. Discorrendo, fermandosi ogni tanto, voltandosi sempre a ricercarmi, egli si avvicinò a me, facendomi un grande inchino.

— Buona sera, signora, — disse con la sua voce sorda, un po’ stanca.

— Buona sera, Stresa.

Aspettai, un po’ ansiosa, come se egli si fosse avvicinato per rivelarmi un grande mistero, per dirmi, finalmente, la unica verità della sua anima. Egli mi disse:

— Avete delle spalle stupende.

A quest’atroce brutalità, io dovetti arrossire sino alla radice dei capelli: mi sentii soffocare dall’ira e non risposi. Nino