Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/188

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
178 Un suicidio


della sua candidissima pelle era più veramente roseo di qualunque rosa.

— Dunque? — domandò, di nuovo, a Julian Sorel.

Costui non osò ancora rispondere, e la guardò con gli occhi preganti. Gwendaline crollò un poco la testa biondissima e si mise a giuocare coi suoi fulgidi anelli, che le coprivano le dita sino alla prima falange, sino all’indice, come a un idolo di Egitto.

— L’affare è andato a male? — chiese poi Gwendaline con la pura voce cristallina.

— A male, — egli rispose fievolmente.

— Per sempre?

— Per sempre, — egli ripetette come un’eco fatale.

Nessuna impressione di meraviglia, di tristezza, di pietà venne a turbare quel roseo volto di donna, quella nitida e serena fronte, quei gelidi occhi di cielo.

— Tu sei un uomo morto, — ella dichiarò, freddamente.

— Già, — disse Julian Sorel, terreo nel volto come un cadavere.