Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/273

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Signora,

Voglio scrivere a voi, in quest’ora di morte. Non voglio mandare a mio padre, così amabile e così indifferente, così indulgente e così freddo, l’ultima mia parola: non a mio marito, tanto cortese e tanto crudele, voglio scrivere io, per dargli l’ultimo saluto. Quando sentiranno che io mi sono uccisa, ne avranno grande sgomento, perchè la morte fa paura agli indifferenti e ai crudeli: dopo, diranno che così dovea finire. Dieci lettere, mille lettere, scritte nel dolore di questa lenta agonia, innanzi alla piccola