Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
20 L'imperfetto amante


mie braccia! Furiosamente geloso: di una gelosia così folle che, varie volte, mi dette la illusione di un amore completo e verace. Se io parlava a un altr’uomo, egli tendeva l’orecchio alle mie parole e alla mia voce; se io dava la mano, egli misurava la stretta di mano data a un altr’uomo; se io sorrideva, egli fremeva e quasi si avanzava a provocare l’uomo cui io sorrideva. Credetti all’amore, io, per la gelosia! Ma era una gelosia così cieca e così bassa, così ingiusta e così brutale, che mi rivoltò. Non osai mai provocarla, tanto le scene che ne seguivano mi accasciavano, dandomi una novella prova che Nino Stresa viveva e amava e soffriva solo per i nervi e per i sensi: non osavo provocarla, giacchè, dopo, io era costretta a essere più amorosa che mai, con lui; e, probabilmente, egli esagerava l’ardore di questa gelosia, per ottenerne dei compensi di passione. Detestabile amore! Quante volte, vedendolo fra amici e amiche, così bello e così corretto, con quei suoi occhi dove nuotava uno sguardo di languore tenero, di mestizia indefinita, io,