Pagina:Serao - La conquista di Roma.djvu/356

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
352 La Conquista di Roma

donna di Roma, seduta in una poltrona, avendo intorno l’on. Melillo, l’on. Marchetti, l’on. di Sangarzìa, sorbiva un gelato, col suo contegno buono e placido di Dea; la baronessa Noir, piecolina, sottile, dall’abito di azzurro giapponese, dai magnifici giojelli, turchesi grosse circondate di brillanti, si batteva il ventaglio sulle dita, nervosamente, ascoltando una discussione fra il ministro d’Italia a Bruxelles e il ministro d’Italia a Bucarest.

«Non voglio nulla, non voglio nulla,» mormorò ella a Sangiorgio che la portava verso la tavola imbandita.

Cercava di dominare, a poco a poco, il suo turbamento. Parlò un minuto con la signora Gasperini, la moglie del segretario, cercando di riprendere la sua serenità ; ma non vi riesciva che a metà. Un’agitazione restava ancora al fondo di quell’anima.

«Vorreste andar via?» le domandò Sangiorgio.

«Oh sì!» esclamò lei con uno slancio.

Si rimisero a cercare don Silvio di nuovo, attraversarono di nuovo la sala rossa, il salone azzurro, il salone da ballo, il corridoio delle statue dove ella rabbrividì dal freddo, con un tremito