Pagina:Serao - La conquista di Roma.djvu/416

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
412 La Conquista di Roma


Sentiva egli questo ghiaccio che gli si formava intorno, questo abbandono del pubblico, questo uscire dalla vita pubblica: aveva il senso di questo dissidio fra il suo spirito e la politica: intendeva che ogni giorno di assorbimento nel nuovo ideale consumatore lo allontanava, per migliaia di miglia, dai vecchi ideali: tutto intendeva.

Non cieco, no: non acciecato, ma veggente e volente il sacrificio. Non vittima mormorante parole di disperazione, non ribelle che oltraggia il tiranno: ma martire soddisfatto, felice, che vede scorrere con delizia tutto il miglior sangue delle sue vene. Anzi, più il suo amore gli toglieva, più cresceva il suo ardore: maggiore il desiderio del sacrificio. Così, una specie di lugubre, dolorosa voluttà lo colpiva, quando al mattino soleggiato egli abbandonava le vie piene di gente e il lavoro e il movimento e la vita, per andare a rinchiudersi in una stanzetta, ed aspettare.

Come il fanatico adoratore di Buddha, egli saliva o discendeva tutti i cerchi dell’annichilimento, sino all’astrazione completa e amarissima, sino al nirvano pieno di dolore.

· · · · · · · · · · · · · · · · · · · ·

Era nel primo mattino odoroso di maggio, nel