Pagina:Serao - La conquista di Roma.djvu/461

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La Conquista di Roma 457

battiamo per una illusione volgare, voi per una divina realtà! Io non posso rimproverarvi.»

Sangiorgio ascoltava, con la faccia fra le mani, senza rispondere.

«E poi...» riprese don Silvio, come se parlasse a sè stesso, «l’uomo, questa gran cosa, questa potenza, questa forza, questo complesso di forze, ha una legge che ne limita gli sforzi. Farai questo e non altro, dice questa legge, se non vuoi riuscire mediocre, inefficace in ambedue. profonda: un solo ideale potrai desiderare, alto, lontano, inafferrabile; e la tua anima si Una sola passione potrai nutrire, forte, intensa, dovrà consacrare tutta a questa unica passione, nulla te ne dovrà distrarre, e la tua volontà si dovrà intieramente concentrare nel desiderio dell’ unico ideale, se vuoi raggiungerlo. L’amore, l’arte, la politica, la scienza, queste grandi efficienze umane, queste altissime forme di passione e d’ideale, vanno ognuna per sè, solitarie, tanto vaste che appena appena il misero spirito di un uomo può abbracciarne una sola. Non si è scienziato ed artista, non si è uomo politico ed amante, ammeno di non essere mediocre nelle due cose che si vogliono fare. Bisogna scegliere: le grandi

SeraoLa Conquista di Roma 29