Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
106 scritti di renato serra

È il tipo mezzano fra i due estremi; del professore dagli occhiali d’oro e dalia fronte lucente, destinato a volare com’aquiJa nei cieli della scienza accademica e ufficiale; e del pover’uomo raggrinzito, raccartocciato e rincretinito fra i registri, i colleglli, i compiti, i figlioli, la moglie, la serva, e i genitori degli alunni e i pettegolezzi della cittaducola di provincia.

Ma costui, come dicevo, sta in mezzo, con la sua figura un poco smorzata e sfumata e quasi stinta; con quella schiena un po’gobba e quel solita bito forse un po’ frusto, intorno a cui aleggiando le ricordanze di Virgilio e di Dante suscitano un’impressione vaga, dove il sorriso si confonde con la tristezza.

Come si può essere statò giovini, generosi e audaci, avere goduto per lunghi anni la conversazione dei magni spiriti, avere amato la poesia o sognato for.se la gloria, per ritrovarsi poi infine maestri di grammatica e di ortografia a una turba di fanciulli petulanti?

Questo è il destino di molti.

Ai quali la scienza e i titoli per i concorsi non valgono a riempire il cuore; nò la lotta con gli scolari c con lo stipendio basta a disseccare la niente. Noi sentiamo a guardarli, per (pianto ispidi e curvi nell’ingrato ufficio, che essi non erano nati a ciò; erano nati, come ogni altro uomo fra noi, a vivere e a amare e a guardare queste belle cose del mondo. Si sono rassegnati, ma non sanno adattarsi; non sanno dimenticare da giovinezza e la poesia. Un’ombra ne corre ad ora ad ora sulle fronti, un rimpianto ne trema nella voce.

Tutto questo può essere qualche cosa di muto quasi e non avvertito; un’ombra appunto o una sfumatura, fra comica e malinconica. Ma può an-