Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
108 scritti di renato serra

bero e conchiusero tutto l’ideale del loro spirito; candidissimo esemplare ne restava il buon Severino.

Dico che il Panzini tiene molto di castoro; se non quanto il suo temperamento nativo e gagliardo ha consentito solo agli influssi più geniali. Nè intera ha ricevuta la impronta carducciana nello stile; e nè meno, lasciando stare i versi, che pare non ne abbia scritti mai, ha accettato l’abito, dominante nel maestro, dell’erudizione e della ricerca storica.

Ma l’ideale della vita e dell’arte e della generosa umanità ila lui l’ha ricevuto; e brilla ancora fermo nel cielo della sua mente, fon tutte le sue contraddizioni e i mancamenti e i partiti presi.

Per il Carducci, lasciatemi accennar come posso, l’ideale veramente vivo è la poesia; sentita e amata non soltanto come pienezza lirica del cuore, ma come abito e gentilezza della niente, conversazione e comunione con i grandi, opera di civiltà e di nobiltà umana. La sua poesia è anche pratica, è storia, è patria, è aristocrazia; è sopra tutto umanità. Se non che i concetti che dal grossolano positivismo del suo tempo egli ha troppo spesso raccattato sull’indirizzo pratico della civiltà moderna, sull’utilitarismo e la democrazia, fanno nella sua mente grido e contrasto; gli rappresentano l’ideale suo per falso, retorico, scolastico; nè egli riesce a sciogliersi nettamente-dall’intrico, se non in apparenza, come quando riporta la poesia al passato, accettando che sia morta nel presente e nell’avvenire; oppure il suo temperamento poetico si rivolta, e sopra le incertezze del pensiero si afferma la prepotenza eterna e libera delle canzoni.

Ma il Panzini non è mai uscito intellettual-