Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/307

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
260 scritti di renato serra

autorità e di disciplina; è anche orgoglio di cultura e intenzione di nobiltà, non mai formula o modello.

Al più si potrà vederne qualche riflesso — che per altro non si può dire effetto nella cura e nel decoro, che abbiamo già ricordato, delle scritture; nel linguaggio più ricco e più schietto di una letteratura, che ha rigettato da sè ogni servitù straniera, e si afferma sempre più francamente italiana.

C'è un fatto, nella storia di questi anni, un grande fatto politico e nazionale che pare assuma anche per la letteratura il valore di un simbolo e di una definizione. Non importa aggiunger parole, poiché si tratta della guerra di Libia.

La nuova affermazione dell’Italia, come forza militare e unità morale, avrebbe trovato una coincidenza in quella sorta di crisi di una letteratura, a cui la liquidazione del passato dava una apparenza di devastazione e di oscurità; ma il terreno ingrato era pieno di travaglio segreto e di potenza; e il vento della fortuna e della gloria nazionale vi passava sopra rivelando la ricchezza della primavera.

Quelle che erano piima tendenze e fatiche un po’ disperse, un po’ confuse, miglioramento della cultura e accrescimento della dignità artistica, risveglio della coscienza critica e senso nuovo del lirismo, hanno acquistato, nel rinnovamento della coscienza nazionale, un suggello di orgoglio e di felicità, che è sopra tutto italianità.

Il momento letterario: particolari.

Questo è quello che dicono tutti; e che noi abbiamo registrato con la fedeltà meccanica del