Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/345

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
298 scritti di renato serra

tutte quelle poesie fossero scritte colla stessa acqua chiara, di lui si ricorda il nome, con una impressione di facilità, di scrittore rapido, abile a fare un po’quel che voglia.

È l’impressione che fanno anche le sue novelle; che se si dovessero prender sul serio sarebbero un problema curioso; come si può unire la sensibilità dei versi alla facilità di questi bozzetti, di tipo così comune, che non si sanno distinguere dalla solita roba mezzo realistica e mezzo sentimentale che si trova oggi nella quinta colonna di tutti i giornali, con un nome sotto di uomo o di donna, che non fa differenza! (Pensate a un Carducci che invece di scriver la prosa delle Confessioni, scrivesse dei «bozzetti militari»; a un Verlaine che invece delle Histoires comme ça o delle Mémoires d'un veuf ci desse una prosa alla Coppée, di Tonte une jeunsse). Del resto quelle novelle, senza carattere e senza ironia, son tutt'altro che spregevoli; la mediocrità delle intenzioni artistiche lascia libera la mano dello scrittore, che è naturalmente felice; non cose nuove, nè paesi, nè anime scrutate e penetrate; ma una certa vivacità di impressioni; una piacevolezza di ligure fermate prontamente e di casi raccontati bene, una fattura svelta e chiara, che interessa e non pesa. Questo corrisponde all’abilità del far i versi, e finisce di spiegare la fortuna libraria del Moretti, che per l’altra parte è dovuta alla rapidità della produzione, che s'impone al pubblico; e a quella facile perfezione nel fabbricare l’articolo di moda, che permette ai nostri critici di distinguerne la formula con più comoda banalità — è molto più facile, per esempio, da questo punto di vista, descrivere il mondo poetico di Gozzano in Moretti, che non direttamente nell’inventore! —