Pagina:Settembrini, Luigi – Ricordanze della mia vita, Vol. II, 1934 – BEIC 1926650.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[409] piano d'evasione 131


XXXVIII

(Dopo la delusione).

Santo Stefano, 10 dicembre [1855].

 Cara e diletta Gigia mia,

Ti ho mandata una lettera per Raffaele nostro, e ti ho detto il modo come inviargliela subito. Sia mille volte benedetto quel caro e sventurato nostro figliuolo. Cerca tutte le vie, tenta tutti i modi per averne novelle: scrivi a lui, scrivi a Panizzi, a lady Holland, e raccomandati a Temple affinché faccia pervenire le lettere.

In ventura io scriverò ad Antonietta, perché ora non potrei mandarti sicuramente una lettera per lei. Le scriverò di molte cose: ma vorrei che prima tu tentassi di scoprire, dimandandone tuo zio, se la venuta di Panizzi è differita, o pure, come a me pare, è impedita affatto. Io capisco bene la spesa enorme, il danno, il tempo perduto, le speranze deluse, e tante altre cose avran dovuto farle cadere le braccia. Siamo sventurati in tutto: bisogna persuadercene. Basta, attendiamo, abbiamo atteso tanto! attenderemo ancora. Mi dispiace per lei, per quella cara e rara donna, che è inconsolabile: per me mi rassegno a tutto, perché sono usato a tutto.

Non ti scriverò piú per altri marinai, se non per Colonna, come tu vuoi. Ma ho giá commesso di farmi sapere in qual luogo o bottega di Napoli praticano i marinai che vengono qui, acciocché tu sapendo da me il luogo, possa mandarvi qualche lettera, se bisogna, e farmela capitar subito pel primo marinaio che viene qui.