Pagina:Sino al confine.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 81 —

nera nella fanciulla, non cercava di nascondere il suo turbamento. Tutt’altro che desolata per l’assenza di Luca Gavina disse ridendo:

— Che cercate qui? Oh, ladri?

Francesco rise, ma con le labbra tremanti, e senza chieder permesso si arrampicò sul muro e si guardò attorno: il piccolo orto bianco di luna gli pareva un giardino incantato.

— Michela, mi pare di veder tuo padre nello stradale!

— Che occhi di lince! — rispose Gavina. — Ma se zio Bustiano è dall’altra parte!...

— Francesco stanotte ha le traveggole! — disse Michela, urtandola col gomito; ed entrambe cominciarono a beffarsi di lui, finché non s’udì davvero la voce del contadino.

— Luca s’è chiuso nella casetta della vigna, e fabbrica fuochi artificiali! S’è impegnato di fornire i fuochi per la festa della Madonna della Neve. Verrà compensato, e spera di proseguire la «carriera» e di faro molti denari! Non son riuscito a convincerlo di ritornare in paese; ma forse è meglio così; lavorare non nuoce.

— Quale degradazione! Egli è diventato pazzo del tutto! — disse Gavina con dolore; poi si pentì di aver parlato così in presenza dei Fais ed aggiunse con orgoglio: — egli fabbricherà i fuochi per divertirsi; non ha bisogno di fare quel mestiere lì.