Pagina:Slataper - Il mio carso, 1912.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 29 —

schianta il pesco nano e si slancia avanti sghignazzando come un satiro in fregola.

Viva la vendetta! Ma io sono quieto e maligno. Apro silenziosamente la roncola, e incido la vite sottoterra perchè muoia e nessuno saprà perchè. D’una stangata rompo la cima del pero, e m’acquatto di colpo per timore che il crac svegli qualcuno.

Silenzio. Le rane. I cani lontano. Una stella cadente.

Ucio chiama dal melo. Egli divora e stronca: per ogni pomo un ramo. Io unghio fondo, uno per uno, i grandi pomi che piacciono molto al padron di casa. Mi lecco le unghie.

Ah? Ucio! come la cacciò via, ah?!

Era una notte come questa. Gridarono nel quartiere del padrone. Il nostro campanello sonò disperatamente. Balzo a sedere sul letto, l’uscio di babbo s’apre, apre la porta. Vila si precipita in camicia piangendo: — El me copa, ’l me copa. El me cori drio col s’ciopo.

Papà incatenacciò l’uscio. Disse calmo: — Qua drento no vien nissun. La se calmi. — Vila tremava e si torceva le mani.

— I me lassi andar, i me lassi andar, li prego. No ’l me fa niente. I scusi. No savevo de chi andar. Ah dio, dio!

Un pugno sulla porta: — Vila!! — Vila saltò su; papà la fece sedere e andò ad aprire. Non c’era più nessuno. Ma Vila scappò via, corse dalla famiglia di Ucio, poi rivolò giù a casa sua.

— Porca! puttana! Fora de qua, fora! Va de quela scrova de to mare! Fora!

E la cacciò via di notte, con la serva e un fagotto di biancheria, minacciandola dalla finestra con il duecanne.