Pagina:Solenni funerali di Pio papa ottavo (Amat).djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
31
 


vedrete risplendere la sua grandezza in tutto il suo fulgore. Fu un gran Sacerdote per la sua sapienza. Fu un gran Vescovo per il suo zelo. Ma questo non è tutto. Sul trono Pontificale egli porta la virtù al colmo, e può vantarsi col Profeta, che la sua maggior gloria gli viene dall’aver governato la gran Chiesa madre e capo di tutte le Chiese: Apud te laus mea in Ecclesia magna (Psa. 21, 26)

Il supremo Pontificato è l’apice dell’umane dignità, e vince in pregio tutti li Principati della terra per la nobiltà, per l’estensione, e per la durata del suo spirituale impero. Vince per la nobiltà, perchè regna sullo spirito, che è la parte più nobile dell’uomo. Vince per l’estensione, perchè il suo governo abbraccia tutta la terra, ed ha per confini i confini del mondo. Vince per la sua perpetuità , poichè Dio ha promesso, che durerà sino alla consumazione de’ secoli, e le promesse divine non possono fallire.