Pagina:Solenni funerali di Pio papa ottavo (Amat).djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
43
 


crime de’ circostanti spira nella ferma fiducia, che l’umil di cuore non può andar perduto: Humiles spiritu salvabit (Ps. 33 19) Così preziosa morte mise fine al non maturo regno di PIO ottavo, apportando alla Chiesa una perdita degna del pianto di tutta la terra. Oh morte! Oh PIO!

Alla mestizia e commozione che vi traspira involto, io ben m’avveggo, o Signori, che le mie ingenue laudi hanno piuttosto accresciuto che temperato il vostro dolore. La perdita è grave, e da tutti vivamente sentita. Abbiam perduto un Sacerdote che fu veramente grande, più per la sua virtù che per l’altissima sua dignità: Sacerdos magnus in diebus suis. Un Pontefice, che per la sua sapienza fu l’onore del Sacerdozio: Corroboravit templum: per il suo zelo l’edificazione de’ popoli: Curavit gentem: e per li pregi della sua magnanima umiltà la gloria de’ popoli e della Chiesa: Adeptus est gloriam in conver-