Pagina:Sonetti romaneschi I.djvu/389

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Sonetti del 1830 77

LA PROVIDENZA.


     È un bèr dì1 cch’a sto monno sce vò2 ssorte,
Si nnun l’hanno antro3 che bbaron futtuti.
Er cristiano ha da dì: “Cche Ddio sciaggliuti4
4E cce pòzzi5 scampà dda mala morte.„

     Io té l’ho appredicato tante vorte,
Ch’a st’ora lo direbbeno li muti.
Ma ttu, ppe’ ggrattà er culo6 a sti saputi,
8Sce schiaffi in cammio:7 “S’Iddio-vò-e-la-corte.„8

     So’ cc...i:9 cquaggiù ttutto è ppremissione10
Der Zignore sortanto, e nnun ze move
Fojja che Ddio nun vojja,11 in concrusione.

     12Abbasta d’avè ffede e ddevozzione;
E ppoi fa’ ttirà vvento e llassa piove:12
S’Iddio serra ’na porta, òpre un portone.13

Terni, 29 settembre 1830.




  1. È un bel dire.
  2. Ci vuole.
  3. Altro.
  4. Ci aiuti.
  5. Ci possa.
  6. Per lusingare.
  7. Ci metti in vece.
  8. Se Iddio vuole e la corte (cioè i birri): riserva naturalissima in chi va soggetto a due influenze, quella del Cielo cioè, e quella del delitto che fa precaria la sua libertà.
  9. Sono ridicolezze; è inutile.
  10. Permissione.
  11. Non voglia. [Nun ze move ecc. Proverbio.]
  12. Lascia piovere.
  13. Proverbio. [Di cui, però, la forma più genuina e comune è questa: Se chiude una porta e s’òpre un portone.]