Pagina:Sonetti romaneschi I.djvu/457

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



LI DOTTORI


 
     Sta somaraja che ssa scrive e llegge,
Sti teòlichi e st’antre ggente dotte,
Saria mejjo s’annassino a ffà fotte
Co li su’ libbri a ssôno de scorregge.
              
     Oh vvedi, cristo, si cche bbella legge!
Dà le corne a li spigoli la notte: 1
Sudà l’istate come pperacotte:
E l’inverno p’er freddo nun arregge! 2
              
     Er vento bbutta ggiú, ll’acqua t’abbagna,
Te cosce er zole; e, ppe ddeppiú mmalanno,
Senza er priffete3 un cazzo4 che sse maggna!
              
     E cco ttutti li studi che sse sanno,
A sta poca freggnaccia de magaggna
Nun cianno5 mai da rimedià
=== no match ===
Nun cianno!


Terni, 6 ottobre 1831 - De Pepp’er tosto

  1. Batti la testa ai cantoni pel buio.
  2. Non reggersi.
  3. “Danaro„; così detto da’ plebei, e da altri il pliff, per imitazione del suono che rende nel cadere sotto il conto.
  4. Equivale ad una negativa. Devesi pronunziare battendo con vigore la lettera a.
  5. Ci hanno.