Pagina:Sonetti romaneschi I.djvu/526

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



L'EDITTO PE TUTTO L'ANNO


 
     Ho vvisto propio mó a le cantonate
Curre er libbraro a appiccicà un editto.
È un lenzòlo de carta tutto scritto,
Che le ggente sce fanno a ggommitate.
              
     Bisoggna avé ggiudizzio, cammerate,
Perché cchi ssa che ce pô esse1 scritto?
E ppotrebbeno avé ffatto un delitto
Che nun ze ggiuchi ppiú mmanco a ssassate.
              
     Sortanto ho ’nteso un quèquero2 in perucca
A bbarbottà, svortannose3 de fianco:
“Chi cce governa, nun tiè ssale in zucca„.
              
     Nun c’è ppiú dunque da sperà nnemmanco;
Perché ssi cchi cce ll’ha, ppuro4 te cucca, 5
Figurete6 chi ha perzo7 er fritto bbianco.8


Roma, 24 novembre 1831 - Der medemo

  1. Essere.
  2. Anticaglia.
  3. Voltandosi.
  4. Pure.
  5. Te la fa.
  6. Figurati.
  7. Perduto.

  8. === no match ===
    Il cervello.