Pagina:Sonetti romaneschi II.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



ER VITTURINO SAPUTO


 
     Hai torto marcio, e tte daría, per Cristo,
La forcina de stalla in de la testa.
Dio sagrataccio! e cquanno mai s’è vvisto
Che ssenza argianfettú sse soni a ffesta?
              
     Te sei vorzuto mette cuella vesta
De chiricaccio? impara a ffà dda tristo:
Sinnò ttu pporterai sempre la scesta 1
Pell’antri,2 e ssempre te daranno er pisto.
              
     Senza strozzo3 e cche vvôi sce s’ariscota
Da sti pretacci fijji de carogna,
Che nnun vonno avé mmai la panza vôta?
              
     Cquà bbisogna sapé vvive, bbisogna.
Vôi trottà ssenza frusta? ogne la rota: 4
La rota strilla? e ttu ddajje l’assogna.4


Roma, 22 novembre 1832 - Der medemo


  1. Cesta (c strisciata)
  2. Altri.
  3. Regali che otturano la gola alle parole della verità.
  4. 4,0 4,1 Modi proverbiali che importano “donare e piaggiare„.