Pagina:Sonetti romaneschi II.djvu/205

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



LA MOMORIOSA


 
     Hai ’nteso er bullettone d’Argentina?
Ma nun zo cchi voranno èsse l’alocchi
D’annà a spenne sti quinisci bbaiocchi
Pe ssentí a rrescità ’na canzoncina.
              
     Sfido si sta pivetta1 sc’indovina
Chi ha inventato li sfrizzoli2 e li ggnocchi;
Chi è nnato prima, o ll’ovo, o la gallina;
E ssi Ccristo ha ccreato li pidocchi.
              
     E ddisce er fijjo mio, c’ha lletto er Tasso
E ll’antre stampe che sse sò stampate,
Che nnun c’è ppoi da fà tutto sto chiasso.
              
     Perché ste storie e st’antre bbuggiarate
Che mmette fora lei pe pparé ll’asso, 3
Gran bella forza!
=== no match ===
l’averà imparate.


Roma, 3 dicembre 1832 - Der medemo


  1. Fanciulla.
  2. Avanzi mezzo abbrustoliti della sugna da cui si estrasse il distrutto. La plebe suole mangiarli avidamente, e ne condisce alcune focacce.
  3. La prima carta del giuoco della briscola: translato.