Pagina:Sonetti romaneschi II.djvu/295

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



ER POVERELLO MUTO


 
     Che mme dava er zor Conte oggni matina?
La carità cche nnun ze nega ar cane.
Cquarche ppezzo avanzato de gallina,
Un piattin de minestra e un po’ de pane.
              
     E ppe ttutto sto sono de campane 1
Sce s’aveva d’annà ppuro in cuscina,
Che mmanco è a ppiana-terra, ma arimane
Sei scalini ppiú ggiú de la cantina.
              
     Io nun parlavo mai perch’ero muto,
Ma jjeri che scottava la cucuzza
Nun me potei tiené de strillà ajjuto!
              
     Che bbella carità de la Merluzza! 2
Perché Ddomminiddio m’ha pproveduto
De parlà, cc’è da fa ttutta sta puzza!3

no match

Roma, 25 dicembre 1832 - Der medemo


  1. Per tutto questo sfoggio.
  2. Luogo a quindici miglia da Roma, sulla via Cassia, infestato già da masnadieri.
  3. Tutto questo chiasso.