Pagina:Sonetti romaneschi II.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



LA STRAGGE DE LI NNOSCENTI


 
     Com’er Re Erode fesce uscí l’indurto
De scannà tutte quante in ne la gola
Le crature de nascita in fasciola,
Fu pe ttutta Turchia propio un tumurto.
              
     Le madre lo pijjorno pe ’n’insurto:
E mmettenno li fijji a la ssediola, 1
Fasceveno dí mmesse a Ssan Nicola; 2
Ma er tempo pe ssarvalli era assai curto:
              
     Ché li sbirri d’Erode a l’improviso
Escheno a imminestrà bbotte, e ’gni bbotta
Vola ’na tacchiarella3 in paradiso.
              
     Cristo tratanto sur zomaro trotta,
Verzo l’Eggitto pe nnun esse acciso, 4
E ll’ha scampata pe la majja rotta.5

no match

12 gennaio 1832 - Der medemo


  1. Mettere alla sediola è “porre i bambini al comodo„: lo che dalle madri non si fa sempre per occorrenza, ma spesso per essere più libere nelle loro faccende, ecc.
  2. Protettore de’ fanciulli.
  3. Ogni botta ’na tacchia, proverbio denotante la efficacia de’ colpi. Qui tacchiarella per allusione ai bambini.
  4. Acciso, tolto da’ Romaneschi ai Napolitani. L’espressione de’ primi è propriamente ammazzato.
  5. Proverbio ovvio.