Pagina:Sonetti romaneschi II.djvu/338

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



LA SANTA MESSA


 
     Come! nun zentì mmessa?! Ah ggaleotti!
Nun zapéte che Iddio, chi nnun ha intese
Ner monno o ttrenta o ttrentun messe ar mese,
L’imbrïaca de llà dde scappellotti?
              
     Che ddiscurrete de ggeloni rotti,
Cuanno che ppe ddiograzzia a sto paese
Sò assai meno le case che le cchiese:
Cuanno le Messe cqui ffanno a ccazzotti? 1
              
     Ve pare questa mó vvita cristiana,
Sori bbrutti fijjacci de mi’ mojje,
Pe nnun divve2 fijjacci de puttana?
              
     La Santa Messa è uguale che la bbiada;
Perché ddisce er cucchiere, che cce cojje, 3
Che Mmessa e bbiada nun allonga strada.4


Roma, 8 gennaio

no match

1833 - Der medemo


  1. Fare a cazzotti, nel senso attuale, vale: “essere in numero tale, da urtarsi a scompiglio„.
  2. Dirvi.
  3. C’indovina.
  4. L’una liberando dai pericoli, l’altra dalla fiacchezza, due cause d’indugio.