Pagina:Sonetti romaneschi IV.djvu/266

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



ER DILETTANTE DE PONTE


 
     Viengheno: attenti: la funzione è llesta. 1
Ecco cor collo iggnudo e ttrittichente
Er prim’omo dell’opera, er pazziente,
L’asso a ccoppe, er ziggnore de la festa.
              
     E ecco er professore che sse2 presta
A sserví da scirúsico a la ggente
Pe ttré cquadrini,3 e a tutti ggentirmente
Je cura er male der dolor de testa.
              
     Ma nnò a mman manca, nò: ll’antro a mman dritta.
Quello ar ziconno posto è ll’ajjutante.
La proscedenza aspetta a Mmastro Titta. 4
              
     Volete inzeggnà5 a mmé cchi ffà la capa? 6
Io cqua nun manco mai: sò ffreguentante;
E er boia
=== no match ===
lo conosco com’er Papa.


29 agosto 1835


  1. È vicina.
  2. Si.
  3. Molto ben pagato è il carnefice, ed in qualunque servizio del suo mestiere gode di varii e bei profitti. Si vuole però che l’atto della uccisione del paziente siagli pagato tre quattrini, cioè 3 centesimi della lira romana (il papetto), a dimostrare la viltà dell’opera.
  4. Ogni carnefice è dai romani chiamato Mastro Titta.
  5. Insegnare.
  6. Capo, detto qui capa alla napolitana.