Pagina:Sopra lo amore.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sopra lo amore 51

ed erano figliuoli del Sole, Terra e Luna. Erano gli uomini allora interi: ma volendo per la superbia con Dio agguagliarsi, divisi sono in due: e di nuovo fieno divisi, se di nuovo gli assalterà la superbia. Poi che e’ furono divisi, il mezzo per Amore tirato fu al mezzo, per restituire lo intero, il quale poi che fia restituito, sarà l’umana generazione beata.

La somma della nostra esposizione sarà questa. Gli uomini, cioè le Anime degli uomini; anticamente, e questo è quando sono da Dio create; sono interi, perchè sono le Anime di due lumi ornate, naturale e soprannaturale: acciocchè per il naturale le cose eguali e inferiori, per il soprannaturale le superiori, considerassino. Voglionsi agguagliare a Dio, mentre che a l’unico lume naturale si rivolsero. E qui furono divisi, perdendo il soprannaturale splendore, quando solo al naturale si rivolsero: onde subito ne’ corpi caggiono. Se di nuovo insuperbiscono, di nuovo fieno divise, che s’intende se troppo si confideranno nel naturale ingegno ancora il lume naturale si spegnerà in parte. Tre sessi avevano, l’anime maschie dal sole, le femmine dalla terra, le composte dalla luna nate; cioè il fulgore divino, alcune anime secondo la fortezza, la quale è maschia, alcune secondo la temperanza, che è femmina, alcune secondo la giustizia, che è composta, ricevettero. Queste tre virtù sono in noi figliuole di altre tre virtù, che Dio possiede. Ma quelle tre in Dio si chiamano Sole, Luna e Terra: in noi maschio, femmina, e composto. Poi che furono divisi, il mezzo fu tirato al mezzo; l’anime già divise e immerse ne’ corpi, quando giungono agli anni della età discreta, per la temperanza, che è femmina, alcune secondo il lume naturale che riserbano, quasi per l’uno mezzo dell’Anima, sono svegliate a ripigliare con istudio di verità quel lume soprannaturale, che già fu l’altro mezzo dell’Anima: il quale cadendo perdettero. E ricevuto questo saranno intere: e nella visione di Dio, beate.

Questa sarà la somma della esposizione presente.