Pagina:Sotto il velame.djvu/295

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Guido di Montefeltro non dice il suo peccato se non perchè crede di parlare a un morto1:

s'io credessi che mia risposta fosse
a persona che mai tornasse al mondo,
questa liainina staria senza piu scosse.

Non ha "tema d'infamia" e pure il suo nome non dice. E il rimorso di costoro è significato anche dall'errar continue, come lucciole nella vallea.

Nella nona bolgia gli autori di scandoli e di scismi si nomano: il primo d'essi, però, Maometto, perchè crede Dante dannato; e Pier di Medicina, per predire malanno ad altri. E questi e il Mosca e Beltram del Bornio mostrano pure desiderio che di loro vadano novelle nel mondo2. Nel che credo si debba vedere speranza, più di nuovi scandoli e scismi, che di fama. Il fatto di Geri del Bello è quel di tutti; e Dante così suol parlare, una volta per tutte3. Geri del Bello vorrebbe che la discordia continuasse e che il suo sangue rifermentasse. E anche i falsificatori si governano in vario modo ed o con sè nomano altri o si dichiarano rei di altra colpa di quella che fu loro apposta, e questa colpa, come l'alchimia, è tale da ammettere alcun vanto4. C'è, insomma, più o meno vergogna in tutti i dannati di Malebolge; e in alcuni, se volete, punta; ma tutta la trattazione di questa specie di peccatori si conclude (e per me non è caso) con un suggello suo proprio; che è un grande vergognare di Dante. Al quale Virgilio (e non è caso nemmeno questo) parla

  1. Inf. XXVII 61 segg. 66e segg.
  2. Inf. XXVIII passim.
  3. Inf. XXIX 18.
  4. Inf. XXIX e XXX passim.