Pagina:Specchio di vera penitenza.djvu/61

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

distinzione seconda. — cap. vii. 33

della dottrina della sua predicazione cominciarono dalla penitenzia, dicendo: Poenitentiam agite; appropinquabit enim regnum coelorum: Fate penitenzia, chè s’appressa il reame di Dio. Quasi dice: A coloro che fanno penitenzia, s’appresserà il reame del cielo; ovvero: Imperò che s’appressa il reame del cielo, fate penitenzia; sanza la quale non s’acquista il reame di Dio. Similmente il suo Precursore, il quale venne innanzi a Iesu Cristo ad apparecchiare la via, san Giovanni Batista, e collo essemplo e colla dottrina ci ammaestrò e indusse a penitenzia. Collo essemplo, che nella etade tenera e fanciullesca, nella quale non era peccato né essere potea, per ammaestramento di noi e guardia di sé, n’andò nel diserto; ove, e quanto al luogo e quanto al vestire e quanto al cibo, aspramente visse e in grande penitenzia, secondo che dice il santo Vangelio. E la sua predicazione cominciò dalla penitenzia, dicendo: Poenitentiam agite; appropinquabit enim regnum coelorum. E anche diceva: Facite fructus dignos poenitentioe: Fate frutti di penitenzia degni. Simigliantemente i Santi del vecchio e nuovo Testamento ci ammaestrano co ’fatti e colle parole della penitenzia, come di cosa ch’è necessaria alla salute umana ed a avere vita eterna; della quale dice santo Iob, ammaestrando i suoi tre amici: Audite, queso, sermones meos, et agite poenitentiam: Udite, priegovi, le mie parole, e fate penitenzia. E come n’ammaestrava altrui, così la faceva egli. Onde diceva egli: Ago poenitentiam in favilla et cinere: Io fo penitenzia nella favilla del fuoco e nella cenere. Dove dava ad intendere che la sua penitenzia era di fuoco d’amore accesa, e era di cenere d’umiltà disprezzata. E santo Ieremia profeta, santificato nel ventre della madre sua, dicea in persona di Dio: Si poenitentiam egerit gens ista, agam et ego poenitentiam super malo: Se questa gente farà penitenzia, e io mi pentirò del male ch’ io avea pensato di fare loro. E di sé medesimo dicea il santo Profeta: Postquam convertisti me, egi poenitentiam: Dopo che tu, Iddio, mi con-