Pagina:Speraz - Emma Walder.pdf/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


— 13 —


chette di velluto e piccoli tòcchi di feltro; le mani bene inguantate.

Il loro aspetto era di vere signorine di buona famiglia: non di sorelle però.

Bastava il viso severo e stranamente espressivo di Emma, i capelli neri, le ciglia arcuate, folte e sottili, i lineamenti fini, regolarissimi; la figura non alta, flessuosa, dalle mosse eleganti e snodate; bastavano i piedi e le mani, così piccoli e così sottili, per farla riconoscere d’un’altra razza.

Quando furono sul ponte, si fermarono tutte due insieme.

Annetta domandò:

— Che cosa vuoi fare?...

— Ma, se tu andassi dalla Teresa, io andrei a salutare Marta Von Roth...

Un’ondata di sangue salì alla fronte di Annetta e la chiazzò di rosso.

— Che premura che hai! Ci andremo poi insieme. Del resto, fa come vuoi. Io però non vado dalla Teresa... Addio!

E restò ferma, corrugando le ciglia, atteggiando le labbra a un vago disprezzo.

Neppure l’Emma si mosse. Si fissarono negli occhi e sembrarono avvinte da una nuova corrente di simpatia.

Annetta, indole esuberante e imperiosa, sentì che l’altra cedeva al suo desiderio; le passò un braccio