Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
8 gaspara stampa


VI

Le doti preclare di lui furono le sue dolci catene.

     Un intelletto angelico e divino,
una real natura ed un valore,
un disio vago di fama e d’onore,
un parlar saggio, grave e pellegrino,
     un sangue illustre, agli alti re vicino,
una fortuna a poche altre minore,
un’etá nel suo proprio e vero fiore,
un atto onesto, mansueto e chino,
     un viso più che ’l sol lucente e chiaro,
ove bellezza e grazia Amor riserra
in non mai più vedute o udite tempre,
     fûr le catene, che già mi legâro,
e mi fan dolce ed onorata guerra.
O pur piaccia ad Amor che stringan sempre!


VII

Egli, bello e crudele; ella, fedele e dolente.

     Chi vuol conoscer, donne, il mio signore,
miri un signor di vago e dolce aspetto,
giovane d’anni e vecchio d’intelletto,
imagin de la gloria e del valore:
     di pelo biondo, e di vivo colore,
di persona alta e spazioso petto,
e finalmente in ogni opra perfetto,
fuor ch’un poco (oimè lassa!) empio in amore.
     E chi vuol poi conoscer me, rimiri
una donna in effetti ed in sembiante
imagin de la morte e de’ martiri,
     un albergo di fé salda e costante,
una, che, perché pianga, arda e sospiri,
non fa pietoso il suo crudel amante.