Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
176 gaspara stampa


CCXCIX

In morte d’una monaca.

     Alma celeste e pura,
che, casta e verginella
stata tanto fra noi, sei gita al cielo,
dov’or sovra misura
ti stai lucente e bella,
di piú perfetto accesa e maggior zelo,
perché nel mortal velo
rade volte altrui lice
unir perfettamente
al suo Fattor la mente,
sì trista è del nostro arbor la radice,
e sì forte n’atterra
questa del senso perigliosa guerra;
     tu vagheggi or beata
quell’infinito Sole,
di cui quest’altro sole è picciol raggio;
e la voglia appagata
hai sì, ch’altro non vuole,
giunta a l’ultimo fin di suo viaggio;
e la noia e l’oltraggio
e l’ombra di quel male,
che sostenesti in vita,
è per sempre sbandita,
salita in parte, ove dolor non sale,
ove si vive sempre
col primo Amor in dilettose tempre.
     Ben può gradirsi altero
il nostro sesso omai
per tanta donna e tanto a Cristo amica,
che, mancato il primiero
valor, spenti que’ rai,
ch’illustrâr già la santa schiera antica,