Pagina:Statuto della banca popolare di credito di Montelupo Fiorentino.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

—17—

della Società alla sua residenza in Montelupo Fiorentino.


UTILI E FONDO DI RISERVA


Art. 39. Gli utili resultanti dal Bilancio annuale, dedotte le spese di Amministrazione e pagati i frutti dei depositi e dei mutui, si repartiscono in ragione del 75 per % agli azionisti del 35 per % al fondo di riserva.

Art. 40. Il fondo di riserva è formato.

  1. Con le tasse dei libretti pagate dai Soci.
  2. Col prelevamento annuo sugli utili, a norma dell’art. 39.

Esso è destinato ad estendere il Credito della Banca e ad accrescerne le garanzie verso i suoi creditori.


OPERAZIONI DELLA BANCA


Art. 41. Le operazioni principali della Banca sono i Prestiti ed i Depositi. Potrà altresì quando i suoi fondi lo permettano fare tutte quelle operazioni secondarie che sono proprie di detti Istituti.


DEI PRESTITI


Art. 42. Le operazioni di prestito saranno eseguite specialmente coi Soci azionisti.
La Società farà anche dei piccoli prestiti sul lavoro agli operai non azionisti, purché siano iscritti nella Società di Mutuo Soccorso di Montelupo Fiorentino.

Art. 43. Chiunque domanda un prestito deve:

  1. Non avere macchie che disonorino la propria condotta.
  2. Non trovarsi arretrato verso la cassa per debiti anteriori, nè avere danneggiato alcuno dei propri garanti.