Pagina:Steno - La Veste d'Amianto.djvu/274

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 268 —

corto che voi foste così suscettibile, cara amica mia. Eravate, o m’inganno, la stessa serenità. Chi o che cosa vi han mutata così?

Eludendo la domanda diretta, Minerva interrogò a sua volta:

— Mi trovate molto peggiorata?

— Non ho mai pensato di dirvi questo. Vi trovo diversa, ho detto. E diversa non significa già peggiorata.

— Dovete pur decidervi, povero Noris: o mi trovate mutata in meglio, o in peggio: di qui non si esce.

— È una domanda che non ho ancora posta a me stesso; ecco perchè non posso rispondervi.

— L’impressione, Noris, l’impressione! non voglio che vi lambicchiate a meditare: voglio sapere l’effetto schietto e magari rude che il mio preteso mutamento vi fa. Se pur volete dirmelo, — soggiunse subito con voce mutata a un tratto, diventata fredda e tagliente quanto prima era concitato, e quasi febbrile.

— Eccoci ritornati all’amaro, — esclamò Noris sorridendo, — miglior dimostrazione della verità del mio asserto non potevate fornirmi. Sono questi bruschi mutamenti improvvisi che vi staccano assai dalla olimpica Minerva di un tempo.

— E vi dispiacciono.

— Sarò più esatto: mi sconcertano.

— Ah!

— Conosco qualcuno — continuò Noris — cui questo atteggiamento assai meno raro ma nuovissimo per la vostra psiche, potrebbe magari far molto piacere.

— Chi? — si rivolse a chiedere Minerva con un’espressione selvaggia nelle pupille torbide.

— Giorgio Dauro.

— Che cosa c'entra Dauro?

— Non lo sapete che è anch’esso una vostra vittima?

— Ah! ah! ah!

La risata stridula e nervosa della fanciulla fu accompagnata da un colpo di volante così violento che la vettura sterzò con un sussulto pro-