Pagina:Storia degli antichi popoli italiani - Vol. I.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CAPO V. 71

dai paesani stessi dell’Italia meridionale. L’ingrandimento di quelle genti seguì, secondo il computo di Filisto1, fors’a ottant’ anni avanti la guerra di Troja: in che s’accorda il siciliano con Ellanico. Tucidide, al contrario, la pone due secoli dopo2. Ma commossa già in tempi sì remoti grandissima parte d’Italia sino all’estrema Calabria per universal discorrimento e tumulto di popoli, successero nuovi travagli pe’ violenti assalitori, che avean tolto a’ Siculi stato e signoria.

Nessun fatto istorico dell’antichità è più avverato del passaggio dei Siculi italici nella Sicilia, tutto che riferito dagli scrittori con molta varietà di circostanze. E sopra questo fatto han pure i mitologi personificato, alla lor maniera poetica, un Italo, un Siculo e un Morgete, alternativamente regi di Sicilia, di Enotria o d’Italia; e in oltre tessuto la narrativa strana della fuga di Siculo da Roma per recarsi al re italiano Morgete3. Ma quantunque i Siculi fossero in effetto scacciati per la sola forza, l’uscita loro della penisola dovette succedere di necessità a grosse bande in tempi diversi; nè tutti tragittarono il mare ugualmente. Quando i Locresi, nel primo secolo di Roma, se ne vennero erranti al capo Zefirio, vi ritrovarono là presso il monte Esope stanziati dei Siculi4: e fino al tempo

  1. Ap. Dionys. i. I. 22. an. 1284 a. C. o in quel torno.
  2. Cioè 300 anni prima che le colonie greche passassero nell’isola: computo apparentemente errato. Thucyd. vi. 2.
  3. Dionys. i. 73.
  4. Polib. xii. 5.