Pagina:Storia degli antichi popoli italiani - Vol. I.djvu/240

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
180 CAPO VIII.

Perocchè indubitabilmente dovunque abbiamo tracce sicure delle abitanze degl’Illirici alle marine, là di presso albergavano per avanti le nostre indigene popolazioni degli Osci, i quali si mantennero sempre fermi nelle montagne. E qual popolo, qual civiltà, quali ordini potean venire a noi da una nazione cotanto salvatica e fiera, che quasi con bestial vita Liburni, Dalmati e Illirici, non avean mai vacato all’agricoltura, avanti che i Romani, ributtandoli dentro terra, non gli sforzassero di darsi mal suo grado a quell’arte primiera1? Nè tampoco costoro si tennero lungamente, nè senza grandi contrasti per la costa italica, o poco addentro. Perchè gli Umbri vendicatisi su di loro gli scacciarono a tempo e luogo dal Piceno2: gli altri montanari Osci non istettero per salvezza di sè di far guerra: e dal lato loro anche i Greci che successivamente si collocarono nell’Iapigia, nulla meno contribuirono a fugare ed a

    altre nazioni dell’Italia discendano direttamente da quelli dell’Illirico, riposa sopra supposti al tutto congetturali, e di più riprovati a ragione dai buoni critici. Non contrastiamo già che la lingua dei Schipatari o Skippetars non conservi radici dell’antico illirico, e che non sia da studiare anche in quella per la maggiore intelligenza delle primitive lingue italiche: il che toccheremo meglio al suo luogo. Ma sono forse i moderni Slavi dalmatini, ancorchè chiamati Illirici, quel ch’egli si credono veramente: cioè a dire una legittima generazione degli antichi Illirj di quelle contrade?

  1. Strabo, vii. 218.
  2. Umbri eos expulere. Plin. iii. 14.