Pagina:Storia della Lega Lombarda.djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
192 della lega lombarda

basta. Fu Canonico regolare della chiesa di Pisa, poi della Lateranense, e Suddiacono Apostolico. Maestro in Divinità nella Università di Bologna e collega del monaco Graziano, conseguì fama di dottissimo uomo1. Austero dei costumi, e di gentile anima da entrare facilmente nel cuore altrui; colto, e assai facondo parlatore, temperato in tutto, e ad ogni ufficio di cortesia e di carità inchinato per natura; nelle cose poi attinenti allo spirito, uomo tutto di Dio2. Papa Eugenio III, dimorando in Viterbo, lo creò Cardinale Diacono di S. Cosimo, poi prete di S. Marco. S. Bernardo che seguì sempre coll’animo e colle lettere quel Pontefice, stato monaco del suo Ordine, ne scrisse varie a Rolando, pregandolo ad assistere coll’opera sua Eugenio nella condotta de’ negozi. Argomento della grande stima in che era tenuto, ed alla quale non fallì mai, anzi se l’accrebbe nelle legazioni a Guglielmo di Sicilia, ed a Federigo, in cui lo adoperò Papa Adriano. Queste legazioni lo misero bene addentro alle cose ed agli uomini di quei tempi; e poichè aveva diritta la intenzione della mente, non si lasciò guastare gli spiriti dalle blandizie, nè infralire dalle minacce di un Imperadore, che aveva aperto una piaga assai schifosa nel corpo de’ Cardinali. Attinta l’altezza del Romano Pontificato, gli concedettero i Cieli concepirne tutta la idea, incarnata e quasi palpabile nelle ragioni della Italiana indipendenza. Era uomo fatto a sedere sul primo seggio della terra, ed a resistere ad uno indisciplinato e potentissimo Imperadore, che si cacciava sotto i piedi ogni divina ed umana ragione.

Egli ben sapeva, che con costui le ammonizioni e le minacce avrebbero fatto nessun frutto: pure innanzi procedere alle pene, a conservare certa convenienza di modi, e a tentare innanzi la via della dolcezza, gli spedì due Legati con lettere, che non sono giunte fino a noi. Questi

  1. Sarti. Lib. 1. c. 2. 5.
  2. Card. Arag. Vita Alex. III. ibi.