Pagina:Storia della geografia (Luigi Hugues) - 2.djvu/220

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 214 —

che comunica direttamente coll’Oceano, ed ha una forma identica a quella del golfo Arabico. Finalmente un largo canale, che si apre lungo il lato occidentale, conduce dall’Oceano nel golfo Romano (mare Mediterraneo), il quale si avanza di molto nella direzione di oriente, con rive uniformi dal lato del mezzodì, più irregolari e interrotte da due golfi secondari dal lato del nord. La Terra al di là dell’Oceano è occupata, nella sua parte orientale, dal Paradiso terrestre, irrigato dai quattro classici fiumi, di cui ci informa la Genesi, e che per mezzo di canali sotterranei giungono alla terra abitata, per gettarsi, il Tigri, l’Eufrate e il Fison nel golfo Persico, il Gihon (Nilo) nel Mediterraneo.

72. Altre carte quadrilatere. — Alla medesima categoria del Mappamondo di Cosma Indopleuste appartengono la carta merovingia di Alby, probabilmente dell’anno 730, che accompagna un manoscritto dell’Hormesta di Paolo Orosio. La Terra abitabile ha, in questo disegno, la forma di un quadrilatero arrotondato verso oriente, e circondato dal mare che vi forma, come nel mappamondo precedentemente descritto, quattro golfi, l’Arabico, il Persico, il Caspio e il Mediterraneo. Tra le dipendenze di quest’ultimo si notano l’Adriatico, il Ponto e il mare Ionio. Lungo le rive settentrionali del Mediterraneo si succedono, da occidente ad oriente, la Spagna, la Gallia, l’Italia (colla città di Ravenna), l’Acaia (colla città di Atene): lungo le rive meridionali, pure da occidente ad oriente, la Mauritania, la Numidia, l’Africa (col territorio di Cartagine), la Libia, l’Egitto (colla città di Alessandria), la Giudea (colla città di Gerusalemme). Nella parte orientale si presentano, dal sud al nord, la Persia, la Babilonia, la Media, l’India e l’Armenia. A settentrione dell’Acaia sono la Tracia e la Macedonia: al nord di queste, la Gozia bagnata dall’Oceano esterno, alla quale succede verso oriente, e sino alle rive del Caspio, il paese dei Barbari. Il lembo meridionale del disegno è occupato dalla Etiopia, dal mare Rubrum, dall’Arabia deserta e dal golfo Persico. Al nord-ovest è notata la Britannia: nel Mediterraneo si succedono, da occidente ad oriente, la Corsica e la Sardegna