Pagina:Storia della letteratura italiana - Tomo I.djvu/234

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Parte III. Libro III. 195

Né con minor elogio parlan di lui Properzio107, Marziale108, ed altri antichi. Anzi un certo Partenio di Nicea, che a que’ tempi viveva in Roma, scritto avendo un libro in Greco su gli effetti d’amore, a lui dedicollo. Quattro libri di Elegie avea egli scritto in lode della sua Licoride; e più libri di Euforione avea dal Greco in Latin linguaggio recati. Il Poemetto intitolato Ciris, che in certe edizioni si aggiugne all’opere di Virgilio, a cui da alcuni è stato attribuito, da altri credesi esser veramente di Gallo. Di questo parere è il Fontanini, e presso lui si posson vedere le ragioni, che ne arreca109. Ciò che è certo si è, che le Elegie, che sono stampate col nome di Gallo, non sono suo lavoro. Fu Pomponio Gaurico, che al principio del XVI secolo le pubblicò; ma la frode fu tosto da alcuni Italiani scoperta; e comunemente si crede, che esse siano di un certo Massimiano Etrusco, che fiorì a’ tempi di Boezio, e di cui a suo tempo ragioneremo. Intorno a che veggasi il più volte citato Mons. Fontanini.

XXVIII. Degli altri poeti, che a questo tempo fiorirono, io non farò, che accennar brevemente i nomi e le cose più memorabili, che di essi sappiamo. E primieramente il dottissimo M. Terenzio Varrone, di cui poscia avremo a parlar lungamente, fu Poeta egli pure, e un gran numero singolarmente scrisse di satire miste di prosa e di versi a varj metri, che da Menippo Poeta Greco, il quale fu il primo a darne l’esempio, ebbero il nome di Menippee110. Non parlo qui di un altro Varrone detto Atacino, perché a ragione potrebbon di noi dolersi i Francesi, che dopo aver tolto loro Cornelio Gallo, questo ancora volessimo loro rapire, che per comun consenso degli antichi e moderni scrittori è detto Gallo di patria, cioè nato in Atace luogo della Gallia Narbonese. Giulio Cesare, che in mezzo al rumore dell’armi e al tumulto delle guerre civili seppe sì felicemente coltivare le scienze, fu buon Poeta; e un Poema fatto nel suo viaggio da Roma in Ispagna, e una sua Tragedia in età giovanile composta rammenta Svetonio111. Ma di questo grand’B b 2 uo<2) L. vili. ep. LXXI1L ( 3 ) la Jul. e. LVX (ì; Loc ut. cap. IL