Pagina:Storia della letteratura italiana I.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 182 ―

lano, sintesi vivente di questa immensa comprensione Dante, spettatore, attore e giudice. La vita guardata dall’altro mondo acquista nuove attitudini, sensazioni e impressioni. L’altro mondo guardato dalla terra veste le sue passioni e i suoi interessi. E n’è uscita una concezione originalissima, una natura nuova e un uomo nuovo. Sono due mondi onnipresenti, in reciprocanza d’azione, che si succedono, si avvicendano, s’incrociano, si compenetrano, si spiegano e s’illuminano a vicenda, in perpetuo ritorno l’uno nell’altro. La loro unità non è in un protagonista, nè in un’azione, nè in un fine astratto ed estraneo alla materia; ma è nella stessa materia; unità interiore e impersonale, vivente indivisibile unità organica, i cui momenti si succedono nello spirito del poeta, non come meccanico aggregato di parti separabili, ma penetranti gli uni negli altri e immedesimantisi, com’è la vita. Questa energica e armoniosa unità è nella natura stessa de’ due mondi, materialmente distinti, ma una cosa nell’unità della coscienza. Cielo e terra sono termini correlativi, l’uno non è senza l’altro; il puro reale ed il puro ideale sono due astrazioni; ogni reale porta seco il suo ideale; ogni uomo porta seco il suo inferno e il suo paradiso; ogni uomo chiude nel suo petto tutti gli Dei d’Olimpo: lo scettico può abolire l’inferno, non può abolir la coscienza. Appunto perchè i due mondi sono la vita stessa nelle sue due facce, in seno a questa unità si sviluppa il più vivace dualismo, anzi antagonismo: l’altro mondo rende i corpi ombre, ombre gli affetti e le grandezze e le pompe, ma in quelle ombre freme ancora la carne, trema il desiderio, suonano d’imprecazioni terrene fino le tranquille volte del cielo. Gli uomini con esso le loro passioni e vizi e virtù rimangono eterni, come statue, in quell’attitudine, in quella espressione d’odio, di sdegno, di amore, che sono stati colti dall’artista; ma mentre l’altro mondo eterna la ter-