Pagina:Storia della letteratura italiana I.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 61 ―

Le mie bellezze sono al mondo nove,
Perocche di lassù mi son venute.

Questo non è allegoria, e non è concetto scientifico: o per dir meglio ci è l’allegoria e ci è il concetto scientifico, ma profondato ed obbliato in questa creatura, perfettamente realizzato, conforme a quel primo ideale della donna che apparisce all’immaginazione giovanile.

Se nell’espressione di questa ingenua ammirazione trovi qualche reminiscenza di repertorio e qualche preoccupazione scientifica, senti un accento di verità puro ed autonomo nell’espressione del dolore, la vera Musa di questa lirica. Perchè infine questa breve storia d’amore ha rari intervalli di gioja serena e contemplativa; la morte del padre di Beatrice, il suo dolore, il presentimento della sua morte e la sua morte sono la sostanza del quadro, il motivo tragico della poesia. Finchè Beatrice vive è un secreto del cuore che il poeta s’industria con ogni più sottile arte di custodire; la storia è poco interessante, intessuta di artificiose e fredde dissimulazioni; ma quando quell’ideale della giovinezza minaccia di scomparire, quando scompare, al poeta manca con quello il fondamento della sua vita, e si sente solo e si sente morire insieme con quello. Ne nasce una situazione nuova nella storia della nostra poesia: l’amore appena nato, simile ancora a’ primi fuggevoli sogni della giovanezza, che acquista la sua realtà presso alla tomba ed oltre la tomba. L’amore si rivela nella morte. Là perde quell’aria fattizia e convenzionale, che gli veniva da’ trovatori e della scienza. Là non è più concetto, nè allegoria, ma è sentimento e fantasia. Quell’amore che in vita della donna non si è potuto ancora realizzare, eccolo qui nella sua schietta e pura espressione, ora che Beatrice muore. A questa situazione si rannoda la parte più eletta e poetica di questa lirica. Poi vengono sentimenti più temperati; il poeta