Pagina:Storia delle arti del disegno.djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
32 O r i g i n e   d e l l e   A r t i

sania fa menzione delle due statue dell’imperador Adriano esistenti in Atene, che aveano l’estremità di marmo bianco, ed erano nel resto formate l’una di marmo tasio, l’altra d’una specie di sasso d’Egitto1, egli probabilmente indicar volle per questo il porfido, e per quello un marmo macchiato2; forse lo stesso che presso noi paonazzo s’appella.

[Lavorarono in bronzo anticamente.] §. 20. In Italia molto prima che in Grecia cominciarono a lavorarsi statue di bronzo, se prestiam fede a Pausania. Secondo lui i primi ad occuparsi in Grecia di questa specie di statuaria furono un certo Roeco, e quindi quel Teodoro di Samo, che scolpì il famoso smeraldo3 di Policrate tiranno allora di quell’isola4, e lavorò il vaso d’argento capace di [.. e v’ebbero di questo metallo de’ vasi..] seicento secchi, di cui Creso re di Lidia al tempio di Delfo fe’ dono5. Al tempo stesso gli Spartani fecero lavorare un vaso della capacità di trecento secchi, con figure d’animali per ogni parte ornato, per mandarlo a Creso in dono6.

[..e delle figure...] §. 21. Ma ne’ più prischi tempi, anteriori alla fondazione di Cirene in Africa, v’aveano già a Samo tre statue di bronzo alta ciascuna sette cubiti, le quali inginocchiate sosteneano un [..sì presso i Greci..] gran bacile. I Samj vi avevano impiegata la decima parte del profitto della loro navigazione a Tartesso7. La prima quadriga in bronzo fu fatta per ordine degli Ateniesi dopo la morte di Pisistrato, vale a dire, dopo l’olimpiade lxvii., e dinanzi al tempio di Pallade collocata8. Sono queste le più antiche notizie che abbiamo de’ lavori in bronzo presso i Greci.

[..che presso i Romani.] §. 22 Per ciò che riguarda i Romani, raccontano gli storici che molto prima Romolo avea fatta formare di bronzo


una
  1. Paus. lib. 1. cap. 18. pag. 42. in fine. [Le statue di Adriano erano quattro, due di un marmo, e due dell’altro; né Pausania in questo luogo dice che avessero le estremità di marmo bianco.
  2. Plin. lib. 36. cap. 6. sect. 5.
  3. Vi scolpì una lira musicale. Clem. Aless. Pædagog. lib. 3. cap. 11. pag. 289. lin. 8.
  4. Paus. lib. 8. cap. 14. pag. 629. princ., lib. 9. cap. ult. pag. 796. princ., lib. 10. cap. 38. pag. 896. lin. 21.
  5. Herod. lib. 1. cap. 51 pag. 24.
  6. Id. lib. 1. cap. 70. pag. 24.
  7. Id. lib. 4. cap. 152. pag. 348.
  8. Id. lib. 5. cap. 69. pag. 421.