Pagina:Storia delle arti del disegno.djvu/298

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
188 D e l l e   A r t i   d e l   D i s e g n o

l’assemblea di cinque, fra i sette, eroi greci che andarono contro Tebe. Se ne vegga la figura al principio di questo Libro. Siccome in essa non sono espressi che cinque eroi, anziché pensare che cagion ne sia la mancanza di luogo, deggiam credere che l’artista etrusco abbia in ciò seguita una tradizione particolare; e come, al dir di Pausania1, Eschilo ne annoverò più di sette, così altri avranno potuto men di sette contarne. I nomi posti presso le figure sono Polinice, Partenopeo, Adrasto, Tideo, ed Amfiarao; e la scrittura medesima unitamente al disegno ci somministra argomenti per la più rimota antichità di quella gemma. Riguardo al disegno vedesi una somma diligenza ed un’estrema finezza di lavoro: bellissima e finita è singolarmente la forma d’alcune parti, come de’ piedi, i quali bastano a far fede dell’abilità dell’artista; e le figure sembrano esser di quelle prime età, in cui l’intero corpo faceasi appena di sei teste. La scrittura s’avvicina alla sua origine pelasga e alle antichissime lettere greche, più che le iscrizioni delle altre opere etrusche2; onde da questa stessa gemma resta confutata l’opinione d’un moderno scrittore3, il quale pretende che i monumenti


rima-


  1. lib. 2. cap. 20. pag. 156. princ. [ Anzi Eschilo sette solamente ne contò, come dice Pausania, benché più di sette realmente vi fossero stati.
  2. Gori Dis. dell’alf. etr. Pref. p. CXXXII., che fu il primo a pubblicare questo scarabeo, a più titoli pregevolissimo, dopo d’avervi scoperti e letti i nomi dei cinque eroi ivi rappresentati, cioè Tideo, Polinice, Amfiarao, Adrasto, e Partenopeo, avvisa che „seguono all’intorno e a’ piedi degli eroi queste tre lettere Storia delle arti del disegno p 298 a.jpg che una Storia delle arti del disegno p 298 b.jpg è scolpita dietro alle spalle di Polinice; le quali lettere, soggiugn’egli, non so per ora che cosa possano indicare, né io le posso credere superflue„. È qui da osservarsi che nella figura da lui dataci dello scarabeo le tre mentovate lettere sono cosi figurate Storia delle arti del disegno p 298 c.jpg, e che presso il nostro Autore, il quale pubblicò la stessa gemma ne’ suoi Monumenti antichi, Tom. I. p. 105., in vece della Storia delle arti del disegno p 298 d.jpg v’è una Storia delle arti del disegno p 298 e.jpg, e la Storia delle arti del disegno p 298 b.jpg è unita alla parola LNICE. Se questi caratteri presso di Winkelmann sono i più conformi all’originale, le tre riferite lettere venendo in seguito al nome PARTHANUP, ne saranno il compimento; onde dovrebbe leggersi PARTHANUPAES; e la Storia delle arti del disegno p 298 b.jpg unita a LNICE sarebbe il principio di PHLNICE, o Polinice, che altrimenti verrebbe a riuscir mancante. La figura, che ne abbiamo data, è tratta da quella di Gori. [ Ma poco esattamente, poichè è simile a quella data da Winkelmann, secondo la quale io l’ho fatta rifare, perchè più corretta, com'egli avvisa nella Descript. des pierr. grav. du Cabin. de Stosch, cl. 3. sect. 2. n. 172. pag. 345. Quella, che dà Guarnacci in fronte delle sue Origini italiche, è diversa in varie cose, ma più simile a quella ai Gori.
  3. Il P. Antonelli Professore a Pisa, Ant. gemma etrus. ec., ha data la descrizione di questa gemma in due dissertazioni, ove racconta di nuovo l’intera storia di quest’Eroe, e de' suoi tempi con un grande apparato di citazio-