Pagina:Storia delle arti del disegno III.djvu/340

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
322 D i s s e r t a z i o n e

& copiosam familiam Beati Petri, & omnium Romanorum, tam viros, quam mulieres jugulaverunt, & alios plures captivos duxerunt. Nam & innocentes infantulos a mammillis matrum suarum separantes, ipsasque vi polluentes interemerunt ipsi impii Longobardi; & tanta mala in hac Romana provincia fecerunt, quanta certe nec paganæ gentes alienando perpetrata sunt. Quia etiam (si dici potest) & ipsi lapides nostras desolationes videntes, ululant nobiscum. Quinquaginta quinque dies hanc afflictam Romanam civitatem obsidentes, & ex omni parte circumdantes prælia fortissima die, noctuque cum pessimo furore incessanter cum diversis machinis, & adinventionibus plurimis contra nos ad muros istius Romanæ Urbis commiserunt, ut suæ potestati, quod avertat Divinitas, subjiciens, omnes uno gladio idem inimicus Haistulfus interimeret.

Fanno menzione di tante rovine anche Anastasio1, Ermanno Contratto2, e più chiaramente l’anonimo Salernitano3: Aystulphus cum universo Langobardorum populo Romanam advenit Urbem, quam & per trium mensium spatia obsidens, atque ex omni circumdans parte, quotidie fortiter oppugnabat, & omnia extra Urbem ferro, & igne devastans, atque funditus demoliens consumsit, ut Romanam capere potuisset Urbem. Venuto Pippino col suo esercito verso l’Italia4, obbligò Astolfo a ritirarsi da Roma dopo tre mesi5 per accorrere agli stati suoi, e fortificarsi in Pavia, ove strettolo di pressante attedio, l’obbligò a chiedergli perdono, e a dar compimento alla convenzione riabilita nell’anno precedente di fare una intiera cessione delle città dell’Esarcato, dell’Emilia, della Pentapoli, di Comacchio, e di altre, che rife-

  1. Nella vita di quel Papa, sect. 249. seg.
  2. in Chron. presso il Canisio Lect. Antiq. Tom. iiI. pag. 241.
  3. in Chron. cap. 6. presso il Muratori Rer. Ital. Script. Tom. iI. par. 2. col. 176.
  4. Anastasio nella vita di Stefano, sect. 250. pag. 210., e il Continuator di Fredegario Append. 2. presso il Du-Chesne Histor. Franc. Script. Tom. I. pag. 775. B.
  5. Così dice Anastasio loc. cit. sect. 24.9. pag. 208., e il citato anonimo Salernitano. Il Zanetti lib. 6. n. 40. Tom. iI. pag. 633. crede, che l’assedio durasse 55. giorni soli, fondato fu quella lettera del Pontefice; ma non ha riflettuto, che dopo scritta la lettera durò qualche tempo, com’egli stesso avea detto poco prima.

xe-