Pagina:Storia di Milano I.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


dal nostro Puricelli in una sua dissertazione, in cui volle provare non avere mai sant’Ambrogio permesso il matrimonio ai sacerdoti. Citavano allora i nostri ecclesiastici un testo del santo dottore del suo primo libro de officiis ministrorum, con queste parole: De monogamia sacerdotum quid loquar? quum una tantum permittitur copula, et non repetita; et haec lex est non iterare conjugium. Ma questo passo ora si legge così: De castimonia autem quid loquar, quando una tantum nec repetita permittitur copula. Et in ipso ergo conjugio lex est non iterare conjugium. Non consta nemmeno che gl’impugnatori del matrimonio de’ sacerdoti allora accusassero di malafede i nostri sacerdoti, che pubblicamente si appoggiavano a quella testimonianza; anzi in un’aringa pubblica si pretese allora che la seguente fosse dottrina di sant’Ambrogio: Virtutum autem magister apostolus est, qui cum patientia redarguendos docet et contradicentes, qui unius uxoris virum praecipiat esse, non quod exortem excludat conjugii, nam hoc supra legem praecepti est, sed ut conjugali castimonia fruatur absolutionis suae gratia; nulla enim culpa coniugii, sed lex.