Pagina:Storia di Milano I.djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


s’incamminò verso Roma; dove Anacleto era riconosciuto per legìttimo papa da un gran numero di persone, e risiedeva, siccome dissi, al Vaticano; ma, viaggiando, fu preso e consegnato a papa Innocenzo II, che trovavasi a Pisa per un concilio; e quel papa che possedeva, come già dissi, in Roma il Laterano: illum captum Romam misit, dice Landolfo, ibique, prout fama est, Anselmus ille, in eodem mense, in manu Petri Latri, qui procurator est Innocentii, vitam finivit.

Corrado, sebbene fosse stato incoronato re d’Italia in Monza ed in Milano, vedendo di non avere forze bastanti a resistere, si piegò ai tempi, e riconobbe l’imperatore Lottario, e rinunziò ad ogni pretensione sul regno italico. Lottario, riconosciuto anche dai Milanesi, venne in Italia; e favorì i Milanesi nelle dispute che avevano co’ vicini. Mentre il nuovo arcivescovo Roboaldo scomunicava i Cremonesi, l’imperatore Lottario li sottopose al bando imperiale; e, unite le forze degl’imperiali e de’ Milanesi, si devastò il contado di Cremona, si prese Casalmaggiore, San Bassano e Soncino: poi queste forze si rivolsero contro Pavia, la quale venne umiliata. Così assai incautamente i Milanesi, colla distruzione di Lodi e di Como, colla desolazione de’ Cremonesi, e cogli insulti fatti ai Pavesi, si erano procurati dei nemici implacabili intorno le loro mura; e ne vedremo l’effetto nel capitolo seguente. Altro non mancava ad accendere il fuoco che doveva distruggerci, se non l’occasione d’un imperatore potente e voglioso di riacquistare la signoria d’Italia. Ma nè Lottario, nè Corrado istesso (che poi, nel 1138, colla