Pagina:Storia di Milano I.djvu/359

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Cercarono di calmarlo i signori del congresso, e fu concluso che, dovendo il re entrare nell’Italia per la strada di Savoia, siccome aveva egli disposto, nulla pregiudicava il lasciarlo avanzare sino al Piemonte; che ivi poi alcuni di essi sarebbergli andati incontro, ed esaminando più da vicino quali pretensioni avesse quel sovrano, o avrebbero fatte le scuse per gli assenti, qualora mite e benevolo lo trovassero; ovvero avrebbero avvisati gli amici lontani per l’opportuno concerto, quando mai avessero ravvisato lui disposto a contrastare la loro autorità. Guido fu costretto ad accontentarsi di questo complimento; e il congresso fu sciolto con una determinazione che da una parte doveva alienare l’animo del nuovo augusto da questi piccoli principi, e dall’altra nessuna precauzione preparava per mettersi al coperto dei danni che poteva loro cagionare. Guido non misurava l’indipendenza sua colle sue forze. Proibì che nessuno in Milano nominasse Enrico da Lucemburgo, o ragionasse della venuta d’un nuovo imperatore. I vassalli s’erano allestiti per andare incontro al nuovo cesare, e Guido proibì loro l’uscire dalla città.

Il re Enrico, verso la fine di ottobre dell’anno 1310, venne a Susa, d’onde passò a Torino, indi ad Asti. Egli aveva seco la regina Margherita sua moglie, principessa d’una bellissima figura; conduceva seco molti principi tedeschi e francesi, e lo accompagnavano mille arcieri e mille uomini d’arme. I vassalli d’Italia, che gli andavano giornalmente incontro co’ loro militi, rendevano sempre più forte il seguito di quell’imperatore. Alcuni del congresso di Milano si presentarono al nuovo cesare. Enrico parlava di pace, di ordine, di tranquillità civile, e di voler dare questi beni alle