Pagina:Storia di Milano I.djvu/432

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


humana moderatur ingenia . Petrarca aveva tanta passione per l’Italia, che potevasegli imputare a ragione la ingiustizia colla quale detestava i costumi oltramontani; dal che però ne risultava una lode esimia ai Milanesi. Egli alloggiava dicontro a Sant’Ambrogio; anzi nel suo testamento, pubblicato nelle opere sue, ordinò d’essere ivi tumulato, qualora fosse morto in Milano. Questo testamento lo fece in Padova l’anno 1370. Aveva Petrarca una piccola villa, poco discosta dalla città, nelle vicinanze della Certosa di Garignano; e quel casino solitario lo chiamava Linterno, col nome della villa di Scipione Africano; comunemente poscia acquistò nome l’Inferno, parola più nota della prima. Si dice che Giovanni Boccaccio, per amore del suo amico Petrarca, vivesse qualche tempo con lui in Milano, e al suo Linterno. Si dice ancora che, dopo la morte di Giovanni arcivescovo, cadendo la signoria di Milano nelle mani de’ tre figli di Stefano, Matteo, Barnabò e Galeazzo, Petrarca recitasse l’orazione inaugurale nella chiesa maggiore, ove celebravasi la funzione di consegnar loro il dominio; e che un impudente astrologo, ad alta voce gridando, lo interrompesse asserendo che in quel momento i pianeti erano faustamente collocati; e non si doveva perderlo, per non avventurare la prosperità del nuovo governo. Si pretese anzi, che, essendosi consegnato il bastone del comando a Matteo fuori del tempo, da ciò ne accadesse poi il misero e presto suo fine. La credulità e l’ignoranza erano certamente grandi a quei tempi; e alcuni pochi uomini illuminati