Pagina:Storia di Milano I.djvu/452

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Indictione quarta decima

Per man d’uno

Che non decima denari

Perchè gli sono sì selvaggi e contrari

Che non se ponno domesticare

Ne stare con lui

A dirlo contra vui

El se giama dalla Terra che fronteggia Cantu.

Queste sono le sole reliquie che siano da quei tempi trapassate alla cognizione nostra; e ben a ragione il signor abate Paolo Frisi, che ci vantiamo d’aver per concittadino, e che mi onora colla sua amicizia, nell’Elogio del Cavalieri, sul proposito della venuta a Milano del Petrarca e dello stato delle lettere milanesi in que’ anni, così s’esprime: I tempi dell’antica anarchia, le guerre intestine ed estere del principato, la fiera e bellicosa indole dei nostri principi, avevano lasciato appena qualche adito tranquillo e libero agli studi della pace... que’ semi esotici non trovando il terreno bastantemente preparato a riceverli, non allignarono molto sotto del nuovo cielo. Non vi si videro spuntare per molto tempo, che informi compilazioni, popolari leggende, storie non ragionate, prose snervate e languide, poesie che di poetico non avevano altro che il metro e la desinenza delle parole, ec.