Pagina:Storia di Milano I.djvu/466

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


felicemente ne’ suoi progetti. Le sue armi ritornarono verso del Bolognese l’anno 1361, e più d’una volta vennero malamente battute, senza ch’ei punto acquistasse.

Due fatti accaduti in quel tempo dimostrarono qual principe fosse Barnabò, e qual rispetto egli avesse pel gius delle genti. Innocenzo VI gli spedì come nunzii due abati benedettini. Essi erano incaricati di trattar seco lui, per terminare la controversia di Bologna, ed avevano le bolle pontificie da presentargli. Ciò accadde nell’anno 1361. Barnabò stavasene nel castello di Marignano, rintanato colà per allontanarsi dalla ferocissima pestilenza che devastava Milano, abbandonata dai due fratelli al caso, e senza adoperare alcuna di quelle precauzioni colle quali Luchino, loro zio, nell’anno 1348, cioè tredici anni prima, aveva saputo preservarla; abbenchè allora quella sciagura avesse desolata gran parte dell’Italia. Ivi attese i due nunzi, e concertò la cosa per modo che il primo incontro con essi loro seguisse al ponte sotto cui scorre il fiume Lambro. Barnabò, scortato da una buona caterva d’armati su di quel ponte, ricevè i due nunzi, i quali se gl’inchinarono, e presentarongli le bolle consegnate loro dal papa. Barnabò seriamente si pose a leggerle, indi biecamente mirando i due ministri: scegliete, disse, una delle due, o mangiare o bere. I due nunzi, posti in mezzo agli armati, senza scampo, mirando il fiume che scorreva al disotto, costretti dopo replicate e impazienti istanze alla scelta, mostrarono che non piaceva loro di bere: ebbene mangiate dunque, disse il feroce Barnabò; e furono costretti i due venerabili prelati a mangiare la pergamena tutta quanta, il cordoncino di seta e